8 marzo 2017: Aderisci alla campagna Posto Occupato

8 marzo 2017: Aderisci alla campagna Posto Occupato

pubblicato in: Eventi | 0

La campagna Posto occupato, un’iniziativa “a costo zero e a chilometro zero”, come la descrive la sua ideatrice Maria Andaloro, è nata nel 2013. L’idea è semplicissima: per ogni donna uccisa viene occupato un posto in un luogo pubblico o privato. Una sedia in un teatro, una panchina in un parco, un posto in un consiglio comunale. Non importa dove, ma che quel posto rimanga occupato per metterci a confronto con l’assenza di quella donna.

Qual è l’obiettivo della campagna? Denuncia l’assenza di una donna che avrebbe potuto essere con noi. Quella donna manca in tutte le attività del quotidiano, poteva essere una mamma, una professionista, un politico. Il senso è di rendere questa assenza-presenza una memoria tangibile e un monito per non sottovalutare i sintomi della violenza, perché il femminicidio è l’ultimo atto estremo commesso sul corpo di una donna. Prima c’è la violenza verbale, psicologica e economica. Se chi è vittima di violenza non ha indipendenza economica probabilmente continuerà a subire, che è soprattutto vero se ha dei figli. Lì s’innesca anche la violenza assistita dei bambini che se pure non vengono picchiati vivono le relazioni violente dei genitori.

Gli uomini sono la causa della violenza sulle donne?
La violenza è un problema culturale. Infatti Posto occupato è una campagna contro la violenza, non contro gli uomini: non è il maschio il nemico, ma la cultura violenta. La violenza di ogni genere, non solo quella contro le donne. Le discriminazioni sono i semi della violenza, perché se vivi in un luogo brutto, ti imbruttisci. Se vivi in un luogo violento, respiri quel linguaggio.

Percorso Donna ha dichiarato di impegnarsi a mettere un “posto occupato” nei nostri luoghi di lavoro così come nelle piazze, nelle scuole, sui tram, ad ogni evento, al cinema, a teatro ed ovunque ci sia uno spazio in cui una donna, che non c’è più, avrebbe potuto portare la propria presenza e la propria voce.

La commissione formazione, nel mese di febbraio, comincerà a farlo nelle scuole durante gli incontri con gli studenti!

Se anche tu vuoi aderire iscriviti a:postoccupato.org

e scarica la locandina qui .

Segui la campagna su Facebook

 

Fonte:http://www.lifegate.it/persone/news/posto-occupato-contro-il-femminicidio